Psicologia dei colori, come funziona e perché è così utile per il marketing

Spesso non ce ne rendiamo conto, ma i colori influenzano l'interpretazione della realtà e le decisioni. Vi proponiamo alcuni cenni di psicologia dei colori.
Psicologia dei colori
18
Ott

Psicologia dei colori, come funziona e perché è così utile per il marketing

Non è un caso se abbiamo scelto di accogliervi nella community di Contentmkt.it con un’esplosione di colori. Molto spesso si sottovaluta la loro facoltà di orientare le emozioni dei consumatori e, di conseguenza, anche le loro scelte d’acquisto. La psicologia dei colori è un campo di studi molto ampio, che certamente non si può esaurire nello spazio ristretto di un articolo, quindi ci limitiamo a darvi alcuni spunti; se volete approfondirli, alla fine vi consigliamo qualche lettura!

Le fondamenta della psicologia dei colori

Nella maggior parte dei casi non ce ne rendiamo conto, ma i colori indirizzano il nostro sguardo, dando priorità a determinati elementi rispetto agli altri. Non è tutto qui: ci aiutano a inserire questi elementi in un contesto, guidando la nostra interpretazione.

La psicologia dei colori è stata oggetto di parecchi studi e permette di dare indicazioni molto utili al marketing. Non bisogna mai dimenticare, tuttavia, il fatto che nei processi di interpretazione e giudizio permanga inevitabilmente una componente soggettiva. Di fronte a uno stimolo, ciascuno ha una reazione un po’ diversa da quella di chiunque altro, perché entrano in gioco il suo background culturale, le sue conoscenze pregresse, le esperienze che ha trascorso.

Il significato di alcuni colori

Mettiamo quindi in pratica la psicologia dei colori, facendo una carrellata dei colori principali e dei loro effetti sulla nostra psiche:

  • Il rosso dà segnali molto forti: è il colore dell’amore, ma anche di paura e pericolo. Senza dubbio trasmette energia ed è molto efficace per attirare l’attenzione (senza esagerare, però, perché può assumere anche connotazioni allarmistiche e quindi negative).
  • Il giallo è il colore della felicità, dell’ottimismo e dell’allegria. È il primo colore che i bambini imparano a riconoscere e dà una sensazione di fiducia. Se viene sfruttato in maniera eccessiva, però, queste sensazioni positive possono virare in ansia o paura.
  • Il verde trasmette armonia, equilibrio e giustizia. Trattandosi del colore più comune in natura, ha assunto una valenza di vita, riposo, pace e crescita.
  • Per scoprire il significato di altri colori, proseguite la lettura di quest’approfondimento.

Leggi anche: Dinamiche e mappe delle emozioni nei social media

Un articolo e un libro che vale la pena di leggere

Come promesso, ecco alcune risorse che fanno per voi se siete incuriositi dalla psicologia dei colori:

  • The Know It All Guide To Color Psychology In Marketing + The Best Hex Chart, pubblicato da Ashton Hauff per il blog di CoSchedule. Si tratta di un approfondimento molto chiaro, che parte dalle basi (come la differenza tra colori primari, secondari e terziari) per poi approfondire i diversi abbinamenti possibili e il valore di ogni colore per il marketing. Da qui abbiamo preso alcune delle nozioni che avete appena letto.
  • Cromorama, di Riccardo Falcinelli (edizioni Einaudi). Qui il marketing è soltanto uno dei temi, fianco a fianco con cinema, letteratura, arte, fumetti, oggetti di uso quotidiano. Questo libro è un viaggio tra le epoche e le discipline, che ci fa capire quanto i colori siano centrali per la nostra vita.

Voi come avete messo in campo i colori nel sito aziendale e nei vostri strumenti di comunicazione, cartacei e digitali?