La crescente importanza del digitale nel B2B

Capiamo insieme come integrare il digitale nel modello organizzativo aziendale, quali sono le sfide e le soluzioni per ottimizzare le strategie interne alla tua impresa.
digitale nel b2B
5
Giu

Come migliorare l’impatto del digitale nel B2B ottimizzandone le prestazioni

Il rappresentante di vendita è diventato un interprete dei bisogni del cliente più che un promotore di offerte. I potenziali clienti, infatti, si informano prima di qualsiasi acquisto sulle piattaforme digitali a loro disposizione. Ecco perché le aziende, anche quelle inizialmente legate ai modelli di marketing tradizionale, si trovano sempre più spesso a integrarli con gli ambienti digitali. I settori più tecnici non fanno eccezione: lo dimostra il fatto che sono incrementati gli investimenti nello sviluppo digitale nel B2B.

Modello multi-canale: ottimizzare le prestazioni online e offline

Il nuovo modello organizzativo aziendale è multi-canale. Nella fase di consolidamento di questo modello, le sfide da affrontare non sono poche.

Ancora oggi, i contenuti prodotti per il digitale nel B2B sono spesso di qualità inconsistente. In ambito analitico, i dati sono tanti, di diversa natura e provenienti da differenti piattaforme. Per fronteggiare al meglio queste sfide, abbiamo riassunto in tre passaggi gli elementi che hanno un impatto positivo sulle performance:

  1. Migliorare l’impatto del digitale attraverso l’integrazione.
  2. Creare una strategia di produzione dei contenuti.
  3. Impostare un’analisi multicanale, integrando dati e sistemi.

Leggi anche: Come scegliere la tua nuova strategia di digital marketing (evitando brutte sorprese)

La parola chiave? Integrazione

L’integrazione deve avvenire in primo luogo tra gli ambienti digitali e quelli analogici, ma anche tra i diversi touchpoint digitali. Solo in questo modo è possibile creare una presenza unificata e coerente tra i diversi ambienti presidiati dall’azienda.

È importante che l’azienda guidi attivamente il processo di integrazione tra le varie attività. Un primo passaggio potrebbe essere la centralizzazione delle strategie dei diversi comparti aziendali. Sarebbe ottimo costituire un team interno che lavori nell’ottica di creare un architettura standardizzata, valida e coerente con i bisogni aziendali.

La gestione di questi aspetti dovrebbe essere continua e collettiva, per evitare possibili operazioni di marketing disgiunto che mettano in discussione la coerenza dell’immagine aziendale.

Fonte

CeB Marketing leadership Council

[scripSendMailPersonas]