Le recensioni online dei medici sono affidabili? L'indagine di Altroconsumo

Le piattaforme digitali ci hanno abituato a esprimere giudizi su qualsiasi cosa, sanità compresa. Le piattaforme per le recensioni online dei medici proliferano, ma siamo sicuri che i giudizi siano tutti autentici? Un'indagine di Altroconsumo consiglia alcuni punti da considerare.
Recensioni online dei medici
3
Apr

Le recensioni online dei medici sono affidabili? L’indagine di Altroconsumo

Non diciamo niente di nuovo se affermiamo che le piattaforme digitali ci hanno abituati ad esprimere la nostra opinione su qualsiasi cosa. Il modello di Tripadvisor, esordito per dare consigli su ristoranti e hotel, ormai si è espanso a dismisura: diamo voti alle attrazioni turistiche che abbiamo visitato in vacanza, ai libri che abbiamo letto e ai film che abbiamo visto al cinema, alla gentilezza del negoziante del ferramenta sotto casa. La sanità non è immune a questo fenomeno, tant’è che da qualche anno le recensioni online dei medici sono diventate la normalità. Insomma, non stupisce che la cultura pop abbia inventato universi paralleli in cui la nostra vita quotidiana è condizionata dal rating.

Il proliferare delle recensioni online dei medici

In fin dei conti, le motivazioni alla base sono più che comprensibili. Abbiamo cambiato città e dobbiamo trovare un nuovo dentista? Un nostro parente si deve sottoporre a un intervento chirurgico? Il nostro medico di base va in pensione? Prima o poi a ciascuno di noi è capitata una situazione del genere. E tutti ci siamo posti la stessa domanda: possiamo davvero fidarci alla cieca di un professionista che, bene o male, avrà in mano la nostra salute – ovvero la cosa più preziosa che abbiamo?

Da qui, il moltiplicarsi di siti che ci permettono di pubblicare recensioni online dei medici, raccontando la nostra esperienza per essere di aiuto agli altri.

L’indagine di Altroconsumo

La rivista Altroconsumo, però, ha voluto fare chiarezza. Perché, se già il tema della reputazione di per sé è delicato, quando entra in gioco la salute le cose si complicano a dismisura.

In un’inchiesta che vi invitiamo a leggere integralmente, i giornalisti di Altroconsumo hanno preso in esame sette diverse piattaforme che permettono con varie modalità di pubblicare recensioni online dei medici. Di ciascuna hanno descritto il meccanismo, le caratteristiche e i limiti. Dalla loro analisi, ricostruiamo quegli elementi che andrebbero valutati per capire se le recensioni si possano dire davvero affidabili e complete.

  • L’utente può lasciare anche semplicemente un voto in stelline oppure è vincolato a lasciare un commento dettagliato?
  • Su quali dimensioni si possono valutare i medici? Alcune piattaforme infatti si limitano a un giudizio generico, altre permettono di affrontare più aspetti: disponibilità, puntualità ecc.
  • I commenti sono sottoposti a una moderazione, per evitare critiche palesemente ingiustificate?
  • La piattaforma comprende di default tutti i medici di una struttura oppure prevede che il medico stesso si iscriva, magari a pagamento? In quest’ultimo caso, per la stessa natura del modello di business, si può ipotizzare che l’ordine di comparsa dei medici nelle ricerche non sia “spontaneo” ma sia anch’esso una feature da acquistare.
  • Abbiamo la certezza che le recensioni siano autentiche? Alcune strutture sanitarie, infatti, inviano il link per la recensione soltanto a chi ha effettivamente sostenuto una visita. Ma ci sono anche portali che permettono a chiunque di recensire un medico semplicemente lasciando un indirizzo email.

A voi è mai capitato di leggere queste recensioni, di scriverne o magari di essere voi gli oggetti del giudizio (pubblico) altrui? Come le avete affrontate?